Firmato dalle piattaforme digitali codice di condotta contro le fake news

La Commissaria europea per l’Economia e la Società digitali, Mariya Gabriel, ha annunciato che le grandi piattaforme digitali hanno sottoscritto il Codice di condotta per arginare la circolazione di fake news in rete. La loro diffusione, secondo l’83% degli europei intervistati da Eurobarometro, sono un pericolo per la democrazia

La Commissione europea contro le notizie false

Lo scorso aprile la Commissione europea aveva presentato la Comunicazione “Affrontare la disinformazione online: un approccio europeo“, in cui definiva il proprio approccio nei confronti della disinformazione online. Durante il suo discorso sullo stato dell’Unione nel 2018, il presidente Juncker aveva poi ribadito l’impegno per garantire elezioni europee libere e sicure.

In vista delle prossime elezioni europee della primavera 2019, l’iniziativa mira a salvaguardare il più possibile un dibattito basato su informazioni veritiere, garantendo “una campagna online trasparente, corretta e affidabile (…) nel pieno rispetto dei principi fondamentali della libertà di espressione dell’Europa, della libertà di stampa e del pluralismo”.

La Commissaria incontrerà nelle prossime settimane i firmatari del Codice di condotta, per discutere le specifiche misure che stanno adottando per metterlo in pratica. Secondo quanto riportato dalle agenzie di stampa, hanno sottoscritto il Codice grandi piattaforme del web quali Facebook, Google e Mozilla, insieme ad alcune associazioni.

I firmatari di questo Codice si sono impegnati a:

  • interrompere le entrate pubblicitarie di determinati account e siti Web che diffondono disinformazione;
  • aumentare la trasparenza della pubblicità politica;
  • affrontare la questione degli account falsi e dei bot online;
  • facilitare l’accesso a diverse fonti d’informazione, migliorando la visibilità dei contenuti autorevoli, e rendere più facile la segnalazione di notizie false;
  • consentire alla comunità di ricerca di accedere ai dati delle piattaforme per monitorare la disinformazione online attraverso modalità conformi alle norme sulla privacy.

Codice di condotta per arginare la circolazione di fake news in rete firmato dalle grandi piattaforme digitali. La Commissione EU vigilerà sul suo rispetto

Come previsto fin da subito dalla Comunicazione, entro la fine del 2018 verrà effettuata una prima analisi dei risultati: se questi dovessero essere valutati dalla Commissione come insoddisfacenti, quest’ultima si riserva di procedere anche con interventi normativi.

Link al comunicato stampa in inglese: http://europa.eu/rapid/press-release_STATEMENT-18-5914_en.htm

Print Friendly, PDF & Email
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *